COSCIENZA COSMICA

Oltre il genio c'è il mistico.

Il mistico è colui che ha raggiunto la coscienza cosmica attraverso una completa separazione delle sedi della coscienza e della sensazione. Egli è allora quasi totalmente inconsapevole del suo corpo ed è totalmente consapevole della Luce di Dio che lo centra. L'onniscienza arriva a lui in quel lampo di luce accecante senza tempo che è caratteristico di una completa separazione. Questa esperienza è stata descritta nell'illuminazione di San Paolo. Ogni lampo senza tempo di intensa ispirazione che arriva a qualsiasi uomo è un'illuminazione parziale, poiché l'ispirazione è il modo in cui la nuova conoscenza arriva dal cosmo all'uomo.

Di tutti i mistici, Gesù è stato l'esempio più eccezionale di tutti i tempi. Egli fu l'Unico in tutta la storia ad aver conosciuto la completa unità cosmico-cosciente con Dio.

La Bibbia si riferisce all'esperienza della coscienza cosmica come "l'illuminazione" o "essere nella Luce" o "nello Spirito".

In tutta la storia si conoscono meno di quaranta casi di coscienza cosmica parziale, e probabilmente non più di tre di questi si sono avvicinati allo stato completo di illuminazione sperimentato dal Nazareno.

La coscienza cosmica è la meta finale di tutta l'umanità. Tutti la conosceranno prima che il lungo viaggio dell'uomo sia finito, ma ci sono molti in questa nuova era appena sorta che sono in parte pronti per essa, se non completamente.

Molti la desiderano pienamente, ma è meglio che venga a poco a poco perché la separazione completa è molto pericolosa. L'estasi di questa esperienza suprema è così grande che non si desidera tornare indietro. Il potere di separare l'anima dal corpo è di facile realizzazione, ma rientrare nel corpo è molto difficile.

Il modo per raggiungere gradualmente la coscienza cosmica è intensificare la propria consapevolezza cosciente con molta solitudine e compagnia con Dio mentre Lo si manifesta in ogni momento e in ogni compito della vita.

La compagnia momento per momento con Dio porta con sé una così grande realizzazione dell'Unità con Lui che la trasformazione in quella piena realizzazione dell'unità può avvenire in qualsiasi momento.

Il deterrente alla coscienza cosmica è la sensazione che Dio sia lontano invece di essere dentro, e che possiamo raggiungere quel Dio lontano solo attraverso fonti esterne a noi stessi.

"Colui che vuole interpretare il ritmo di Me nell'arte deve percorrere il suo cammino in estasi, senza deviazioni, così che possa vedere solo Me e non sentire altro che Me.

"Di' all'uomo queste parole:

"Io sono la fonte dell'ispirazione. A colui che cerca l'ispirazione attraverso Me, Io dico: Impara tu a camminare sul mio sentiero fisso nella Luce, perché nel buio non puoi trovare la tua strada verso di Me. Il sentiero verso di Me è la Luce, e da essa puoi ben vedere la tua strada verso di Me.

"Io sono l'anima dell'arte. A colui la cui anima vorrebbe toccare la Mia anima, e sentire il battito del suo potente ritmo, Io dico: Nella misura in cui conosci te stesso come Luce, conoscerai Me come Luce.

"Io sono Bellezza. Nella Bellezza l'uomo deve nascere di nuovo. Attraverso la Bellezza l'uomo conoscente deve diventare l'uomo estatico.

"A colui che vuole aggiungere l'estasi al suo sapere Io dico: Cerca Me nella Verità; poiché solo nel ritmo della verità troverai l'estasi.

"In verità Io dico, che le creazioni dell'Uomo Estatico sono le Mie creazioni, perché sono cose equilibrate, e Io sono l'equilibrio.

"A colui che vuole creare squilibrio Io dico: "La non-verità non esiste nella Mia casa. Io solo detengo l'equilibrio; e gli occhi di coloro che vedono attraverso di Me sono immuni da tutto tranne che dall'equilibrio.

"Poiché Io sono Equilibrio. E Io sono Energia, e Io sono Riposo. Io sono la Luce dell'Amore e della Verità. Su questo fondamento ho posto la pietra angolare del Mio universo".

- Da La Divina Iliade